Al Bano: “Sono preoccupato per i miei figli, li devo tutelare”

Non si arresta il ciclone Al Bano, protagonista indiscusso della settimana delle cronache rose insieme a Loredana Lecciso e Romina Power. Dopo le telefonate in diretta tv in cui il cantante diceva di essersi lasciato con la Lecciso e le interviste della ex coppia, ora arriva l’ennesima dichiarazione televisiva. In esclusiva a Mattino Cinque, Al Bano ha detto: “Sono preoccupato per i miei figli e voglio tutelarli. Parlate di me solo come cantante”.

 

C_2_articolo_3133722_upiImagepp

Il polverone che si è sollevato con quelle dichiarazioni d’addio tra lui e la Lecciso non si arresta. Ma ora Albano Carrisi vuole mettere un freno. Federica Panicucci ha parlato al telefono con il cantante, che ha preferito non intervenire in trasmissione, ma ha chiesto alla conduttrice Mediaset di riportare nel corso di “Mattino Cinque” le sue parole.
“Al Bano telefonicamente mi ha detto di essere molto arrabbiato – ha detto la Panicucci – Ha definito questa situazione assurda e squallida. Chiede che non se ne parli più. Quando gli ho sottolineato che lui stesso, rilasciando quell’intervista, ha fatto sì che ci fosse un proseguo in tutto questo lui mi ha risposto che l’ha rilasciata per mettere un freno, per mettere un punto alle voci che si stavano rincorrendo in quei giorni”.
Al Bano ha detto a Federica di essere molto preoccupato per i suoi figli: “Perché sentono, vedono, leggono, vanno a scuola e si confrontano con gli altri compagni. Afferma di temere per loro, per quello che possono provare psicologicamente. Oltre a tutto questo chiede che non se ne parli più, chiede quanto meno che si parli di lui soltanto come cantante e che il resto non venga più raccontato. Mi ha pregato di dire… che deve tutelare i suoi figli, la sua vita privata e non vorrebbe più che si parlasse di tutta questa questione. È molto arrabbiato”.

Al Bano: “Sono preoccupato per i miei figli, li devo tutelare”ultima modifica: 2018-04-13T07:06:23+02:00da elliaellia
Reposta per primo quest’articolo
FacebookTwitterGoogle+